Binance violato, spariti 7000 bitcoin

Binance, uno dei maggiori exchange di cryptovalute, è stato violato da ignoti; come risultato, 7000 Bitcoin (circa 44 milioni di dollari) sono stati rubati e trasferiti su vari wallet; attualmente i criminali sono all’opera per distribuire il malloppo in molteplici altri wallet, nel tentativo di “far perdere le tracce”.

Molti pseudo-esperti, invece di focalizzare l’attenzione sul problema reale (insicurezza di tutti gli exchange, ma non solo) propongono soluzioni paradossali.

Come sempre, rimane difficilissimo da digerire il concetto di security by design; generalmente, quando occorre lanciare un servizio, saltiamo del tutto le fasi di progettazione e programmazione sicura, facciamo scrivere da programmatori junior – alla meno peggio – un software che fa quanto serve, tralasciamo del tutto gli assessment di sicurezza in quanto troppo onerosi, lo mettiamo on-line ed incrociamo le dita.

Spesso anche quando tale software o infrastruttura informativa gestisce cifre rilevanti o dati importanti.

Poi capita che vengono rubati milioni di euro, ma i clienti non debbono preoccuparsi in quanto “Binance utilizzerà il fondo SAFU per coprire le perdite provocate dagli hacker” (che in questo caso non sono hacker ma cracker); quindi nessun problema.

PEC ordine avvocati Roma violata

Giunge notizia che “i soliti ignoti” avrebbero violato oltre 30.000 caselle PEC relative all’ordine degli avvocati di Roma.

Il condizionale è d’obbligo in quanto, pur essendo già disponibili sui MEGA e PRIVATEBIN gli archivi con il frutto dell’hacking, non ho ovviamente scaricato nulla in quanto illegale; le schermate mostrate confermerebbero il fatto.

Come sempre, sicurezza informatica cercasi.