Data Breach Morele.net; alcune considerazioni

Come saprete, l’autority per la protezione dei dati personali della Polonia ha sanzionato la società di e-commerce Morele.net, a seguito del data breach occorsole, della somma di 2.800.000 PLN (circa 650.000 euro).

Stando alle poche informazioni disponibili, il data breach è avvvenuto ad ottobre 2018, ed ha interessato oltre 2,2 milioni di acquirenti.

Tra i dati esfiltrati: nome utente, password (md5crypt hashed), nominativi, numeri telefonici, indirizzi e-mail, indirizzi di spedizione; alcuni clienti (circa 35.000) avevano informazioni addizionali quali informazioni di pagamento, numeri identificativi, livello di istruzione, provenienza e valorizzazione delle proprie finanze, spese sostenute e stato matrimoniale.

La società si è resa conto del data breach a novembre, quando alcuni clienti hanno avvisato di aver ricevuto richieste di ulteriori pagamenti per prodotti che hanno acquistato; erano state predisposte alcune false pagine ad-hoc per ricevere i pagamenti illeciti.

Il garante polacco ha identificato tre infrazioni primarie al Regolamento GDPR:

  • l’azienda non ha rispettato i dettami inerenti ai concetti integrità e confidenzialità;
  • non ha predisposto un sistema di monitoraggio per evidenziare le minacce ed accorgersi della violazione dei dati personali;
  • non ha saputo dimostrare lo specifico consenso relativo ai dati personali di ciascun trattamento.

Sembra che i cracker abbiano avuto accesso alle basi dati tramite il famoso (e purtroppo omnipresente) phpmyadmin.

Questa è la classica situazione nella quale versano moltissime aziende italiane; modalità reattiva, si spera nel meglio e si interviene a danno occorso.

Occorre adottare un nuovo paradigma; modalità proattiva; prevenire, invece che intervenire ex post.

Con security assessment, penetration test e valutazioni di rischio preventive (ad esempio, faccio sempre disabilitare/limitare phpmyadmin, comodo per gli admin ma troppo rischioso).

Da ultimo, e consentitemelo, non è possibile accorgersi di un data breach a distanza di un mese, quando i clienti avvisano che qualcosa non va; specialmente se hai una azienda di e-commerce con due milioni e mezzo di clienti.

P.S. si vocifera che il database frutto del databreach sia disponibile nel dark web; ovviamente non ho verificato.

GDPR ed il “vestito su misura”

Tra gli addetti ai lavori, ha preso campo il concetto di “vestito su misura”  oppure “abito sartoriale”, riferito ai processi di adeguamento di ogni diversa organizzazione.

Trascurando poche realtà, ogni organizzazione ha caratteristiche che necessitano di soluzioni “ad hoc” per l’adeguamento al GDPR; anche il corso di formazione deve essere specifico, centrato sui loro trattamenti e sui relativi processi e flussi di dati, nonchè sui rischi incombenti e sulle buone prassi operative da adottare.

Stamani ho visto gli “artefatti” generati da un software che consentirebbe (a dire del produttore) di adeguarsi ai requisiti del GDPR;
ebbene, dei documenti che ho visionato:

  • registro dei trattamenti;
  • informative ai clienti;
  • informative ai fornitori;
  • informative ai dipendenti;
  • lettere di nomina responsabile esterno;
  • lettere di incarico agli incaricati – soggetti designati dal titolare;

nessuno di questi aveva le necessarie caratteristiche richieste dal Regolamento, con la “chiccache il registro dei trattamenti mancava di campi obbligatori mentre aveva campi assolutamente inutili (se non controproducenti).

Quindi, in ambiti di media complessità (che purtroppo riscontro anche in micro imprese “pesantemente” informatizzate), diffidate non solo delle soluzioni “pret-a-porter”, ma anche dei pacchetti di consulenza offerti dalle associazioni di categoria ad un prezzo stracciato.

Spesso chi vi predispone i documenti non ha ben chiaro cosa vi stia scritto; oggi anche una inidonea informativa è sanzionata con importi astronomici.

E del fatto che oggi, in vigenza del GDPR, la dataprotection non si realizzi stampando qualche documento, avevo mai scritto?

GDPR e le misure minime di sicurezza

Domande ricorrenti: esistono sempre le misure minime di sicurezza? Quali sono? Dobbiamo adottarle o no?

Le famigerate misure minime di sicurezza erano allegate al D.Lgs. 196/03 (allegato B); il D.Lgs. 101/2018 le ha abrogate (art. 27, comma 1, lett. d).

Per 14 anni sono state oggetto di critica (troppo oppure troppo poco), ridicolizzate dagli estremisti, snobbate dagli asceti, sottovalutate dai qualunquisti.

Posso tranquillamente affermare che, ad oggi, molte organizzazioni non hanno neanche adottato tutte le (abrogate) misure minime di sicurezza introdotte nel 2004. Non ci credete? Ne cito una, forse tra le più disattese:

25. Il titolare che adotta misure minime di sicurezza avvalendosi di soggetti esterni alla propria struttura per provvederne alla esecuzione, riceve dall'installatore una descrizione scritta dell'intervento effettuato che ne attesta la conformità alle disposizioni del presente disciplinare tecnico.

IL GDPR assegna oggi al Titolare (l’azienda) l’onere di definire le più appropriate misure di sicurezza (non quelle minime) e l’onere di dimostrare che esse sono appropriate (ed adottate, oltre che verificate periodicamente).

Quindi le misure minime del D.Lgs. 196/03 sono la base di partenza, ma non sono sicuramente le misure appropriate da adottare, almeno nelle realtà diverse dalle piccolissime.

Il nuovo approccio del GDPR richiede quindi alle aziende responsabilizzazione, adozione di misure e stumenti di sicurezza ed il loro avvallo; siamo passati (a mio modesto parere) da un approccio di tipo “civil law” (con il tutore che prescrive) a quello “common law” (con le aziende che in piena autonomia decidono, adottano e sono successivamente in grado di dimostrare “il valore” delle loro scelte).

Indice articoli Regolamento UE 679/2016

Dato che nel Regolamento UE 679/2016 (RGPD o GDPR) non è stato previsto un indice generale degli articoli, ho provveduto a realizzarne uno, a mio utilizzo, senza nessuna garanzia.

Ho anche indicato quale delle due classi di sanzioni previste per le violazioni (art. 83) si applichi ad un determinato articolo (o parte di esso).

Chi lo adotta ha l’onere di verificare che esso sia esatto, aggiornato e rispondente al Regolamento richiamato.

Ovviamente ogni segnalazione, indicazione, suggerimento sono ben accetti.

Indice_artt_Regolamento UE 679_v12

Richieste, informazioni e preventivi

Con la ripresa lavorativa (e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legislativo 101), molte organizzazioni mi stanno contattando per informazioni, richieste e preventivi in merito al GDPR.

Dato l’elevato carico di lavoro, non potrò rispondere a tutte le chiamate telefoniche; chiedo pertanto di inviare le richieste tramite una e-mail a webreq@stefanorossi.it, indicando i riferimenti per essere ricontattati appena mi sarà possibile.

F.A.Q. Registro dei Trattamenti

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha pubblicato, in una apposita pagina, le faq sul Registro dei Trattamenti; ne avevo parlato pochi giorni orsono.

Relativamente alle aziende private, i soggetti obbligati ad averlo ed aggiornarlo sono così individuabili:

  • imprese o organizzazioni con almeno 250 dipendenti;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti che possano presentare un rischio – anche non elevato – per i diritti e le libertà dell’interessato;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse  imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti non occasionali;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse  imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti delle categorie particolari di dati di cui all’articolo 9, paragrafo 1 RGPD, o di dati personali relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10 RGPD.

Sono quindi individuati alcune tipologie di titolari del trattamento che debbono provvedere alla tenuta del Registro dei Trattamenti:

  • esercizi commerciali, esercizi pubblici o artigiani con almeno un dipendente (bar, ristoranti, officine, negozi, piccola distribuzione, ecc.) e/o  che  trattino dati sanitari dei clienti (es. parrucchieri, estetisti, ottici, odontotecnici, tatuatori ecc.);
  • liberi professionisti con almeno un dipendente e/o che trattino dati sanitari e/o dati relativi a condanne penali o reati (es. commercialisti, notai, avvocati, osteopati, fisioterapisti, farmacisti, medici in generale);
  • associazioni, fondazioni e comitati ove trattino “categorie particolari di dati” e/o dati relativi a condanne penali o reati (i.e. organizzazioni di tendenza; associazioni a tutela di soggetti c.d. “vulnerabili” quali ad esempio malati, persone con disabilità, ex detenuti ecc.; associazioni che perseguono finalità di prevenzione e contrasto delle discriminazioni di genere, razziali, basate sull’orientamento sessuale, politico o religioso ecc.; associazioni sportive con riferimento ai dati sanitari trattati; partiti e movimenti politici; sindacati; associazioni e movimenti a carattere religioso);
  • il condominio ove tratti “categorie particolari di dati” (es. delibere per interventi volti al superamento e all’abbattimento delle barriere architettoniche ai sensi della L. n. 13/1989; richieste di risarcimento danni comprensive di spese mediche relativi a sinistri avvenuti all’interno dei locali condominiali).