EDPS investiga la telemetria di Office

EDPS – European Data Protection Supervisor (Garante Europeo della protezione dei dati) ha messo sotto indagine Microsoft, in relazione alle funzioni di telemetria di Office 2016 e del correlato servizio Office 365.

L’indagine ha avuto avvio da una valutazione effettuata dalla Autorità di controllo olandese, la quale ha commissionato una DPIA – Data Protection Impact Assessment, nella quale si sono evidenziate attività incompatibili con il GDPR.

Nell’ottimo assessment tecnico effettuato, si è evidenziato un invio di dati diagnostici abnorme (oltre 25.000 tipologie diverse di eventi), la presenza di metadati relativi all’utente e della intestazione delle e-mail, oltre a parti dei contenuti dei testi, specialmente quando sono usati correttore automatico e traduttore.

Sono stati elencati otto punti maggiori di incompatibilità con il Regolamento UE 679/2016:

  • mancanza di trasparenza ed informazione all’utente;
  • impossibilità, per gli utenti, di impostare – o disabilitare del tutto – le funzioni di telemetria;
  • illegale acquisizione e memorizzazione di dati personali speciali/sensibili/classificati;
  • incorretta qualifica di Microsoft come data processor;
  • insufficiente controllo sui sub-processors e sulla relativa elaborazione dei dati;
  • inapplicazione del criterio di limitazione allo scopo (telemetria); a mio parere anche inapplicazione del criterio di minimizzazione e di privacy by design;
  • trasferimento illecito di dati personali al di fuori dello spazio europeo;
  • periodo di data retention indefinito.

Microsoft ha comunicato che sta lavorando per risolvere tutti i punti contestati; fornirà una documentazione esaustiva sulla tipologia di dati raccolti da Office, opzioni chiare e semplici per permettere all’utente o all’amministratore di decidere tipologie e quantità di dati, e uno strumento che permetterà ad amministratori ed utenti di visualizzare i dati raccolti (a mio parere la più grave lacuna attualmente presente).

Segnalo come Microsoft, in passato, sia già stata oggetto di contestazioni simili, in relazione alle funzioni di telemetria di Windows (specialmente il 10).

Update: oggi (15 maggio) una mia installazione di Office 2016 ha chiesto di scegliere quali dati diagnostici condividere: obbligatori e facoltativi; viene proposto un link alla informativa estesa.

GDPR e sanità, le regole del Garante per studi medici, farmacie ed aziende sanitarie

L’Autorità di Controllo italiana (Garante Privacy), in apposito provvedimento, ha specificato le regole da adottare da parte di medici, farmacie ed ASL.

Come sapevamo, il medico non deve più chiedere il consenso per tutti i trattamenti che riguardano finalità di cura.

Si presti però estrema attenzione al fatto che trattamenti diversi da questa specifica finalità necessitano di altra base giuridica (o del relativo consenso).

Da evidenziare la precisazione della Autority che in ambito sanitario è sussistente, in linea generale, l’obbligo di tenuta del registro dei trattamenti; pertanto sia singoli professionisti, pediatri, studi medici associati, ospedali privati, case di cura, RSA, aziende sanitarie, farmacie debbono avere il registro dei trattamenti.

Per quanto riguarda il DPO, il singolo medico, le farmacie, parafarmacie ed ortopediche non sono tenute alla nomina; essa è invece richiesta a studi medici associati, case di cura, ospedali privati, centri diagnostici, RSA, centri chirurgici e tutti coloro che effettuano trattamenti sanitari in larga scala.

Per approfondimenti segnalo i miei post precedenti: studi medici e DPOsoggetti privati obbligati alla nomina del DPO.

Contattateci per avere supporto alla compilazione del registro dei trattamenti o per il approfondimenti in merito al ruolo di DPO in ambiti sanitari

redditodicittadinanza.gov.it ed i font (di Google)

Mi immetto nella polemica nata dalla analisi di Matteo Flora del sito www.redditodicittadinanza.gov.it per “gettare ulteriore benzina sul fuoco”.

Semplificando, Matteo dice che adottando, per la pagina web del sito in oggetto, un font di Google, si consegnano ad esso “i dati di navigazione degli utenti sul sito”.

Premessa per i non tecnici: cosa sono questi fonts di Google? Si tratta di una collezione di font (la rappresentazione dei caratteri sullo schermo) che Google rende disponibili “gratuitamente” a tutti coloro che li vogliono adottare per migliorare l’aspetto del proprio sito.
Moltissimi Framework e C.M.S. li hanno adottati di default (anche WordPress), con il risultato che molti siti li stanno usando. Questo comporta che, quando un utente si collega ad uno di questi siti, il suo browser procede a scaricare il font necessario dai server dedicati di Google (salvo che il font sia già presente nella cache del browser ed altro, ma non vorrei scendere troppo nei dettagli tecnici).
Come sappiamo, ogni qualvolta si realizza una connessione tcp-ip tra un browser ed un server, nel server si raccolgono vari dati tecnici, tra i quali l’indirizzo IP del client, che come ci dicono i vari Garanti, Corte di Giustizia UE, ecc. costituisce un dato personale; Google, per tali dati, si definisce data controller (impostazione che non condivido, ma qui si aprirebbe un lungo e complesso discorso).
L’adozione dei fonts Google su molteplici siti web determina una specie di “rete di sensori globale” dalla quale Google potrebbe acquisire informazioni; non che ne abbia particolarmente bisogno, dato che quasi tutti utilizzano il servizio “gratuito” Google Analytics, per non parlare di Ads, AdSense & C.

L’informativa privacy del sito redditodicittadinanza.gov.it riporta ad una pagina sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; non ha le caratteristiche richieste dal GDPR e non si riesce neanche a capire chi sia il DPO.

Aggiungo un elemento, a mio avviso trascurato ma determinante: perchè un sito del Governo Italiano deve stare in un server di una azienda americana, presso un datacenter americano, al di fuori dello spazio UE e delle tutele del GDPR?

P.S. io dico il font e non la font; il perchè lo trovate anche qui.

P.S.2 il codice WordPress di questo sito è stato da me modificato, da tempo, per caricare i webfont dal server locale (e non dai server di Google); questo rende il rendering delle pagine leggermente più lento, ma – per me – assolutamente necessario.

Aggiornamento: il Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, in una memoria pubblicata nel pomeriggio, interviene con alcune osservazioni sul ddl di conversione in legge del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 (reddito di cittadinanza).
Al punto 5:
Un’ultima osservazione va riferita  all’architettura del sito web del Governo, dedicato al reddito di cittadinanza. 
Si segnala, al riguardo, che il sito rivela, già nel suo attuale stato di sviluppo, alcune carenze, in particolare, nell’informativa sul trattamento dei dati e nelle modalità tecniche della sua implementazione (che, ad oggi, comportano un’indebita e non trasparente trasmissione a terzi dei dati di navigazione, quali indirizzi IP e orario di connessione, da parte dei visitatori del medesimo sito). 


Indice articoli Regolamento UE 679/2016

Dato che nel Regolamento UE 679/2016 (RGPD o GDPR) non è stato previsto un indice generale degli articoli, ho provveduto a realizzarne uno, a mio utilizzo, senza nessuna garanzia.

Ho anche indicato quale delle due classi di sanzioni previste per le violazioni (art. 83) si applichi ad un determinato articolo (o parte di esso).

Chi lo adotta ha l’onere di verificare che esso sia esatto, aggiornato e rispondente al Regolamento richiamato.

Ovviamente ogni segnalazione, indicazione, suggerimento sono ben accetti.

Indice_artt_Regolamento UE 679_v12

DPO ed Autorità Giudiziarie

Appare opportuno segnalare un dato che è passato piuttosto in sordina, anche tra gli addetti ai lavori.

Art. 2-sexiesdecies (Responsabile della protezione dei dati per i trattamenti effettuati dalle autorità giudiziarie nell'esercizio delle loro funzioni)
1. Il responsabile della protezione dati e' designato, a norma delle disposizioni di cui alla sezione 4 del capo IV del Regolamento, anche in relazione ai trattamenti di dati personali effettuati dalle autorità giudiziarie nell'esercizio delle loro funzioni.

Quindi, come si può leggere dal nuovo Codice novellato dal D.Lgs. 101, anche le autorità giudiziarie italiane debbono nominare un DPO-RPD.

Il Legislatore italiano conferma la estrema importanza della figura del Responsabile della Protezione dei Dati, specialmente negli ambiti dove si trattano dati personali che hanno molta rilevanza sulla dignità e quindi sulla vita delle persone.

GDPR security assessment

Security Assessment, Vulnerability Assessment e Penetration Test, cosa sono?
Si tratta della stessa attività o di attività diverse?

Qeste tre definizioni, che spesso vengono confuso e/o scambiate, si riferiscono a tre attività diverse che afferiscono però ad una sola finalità: migliorare notevolmente la sicurezza dei sistemi informativi.

Per attività di Vulnerability Assessment (che qualcuno indica anche come Vulnerability Scan) si intendono quelle attività tecniche (molto specifiche), effettuate di norma con strumenti automatici, che evidenziano eventuali vulnerabilità presenti nei dispositivi informatici e/o nel software.

Le attività di Penetration Test sono le attività di soggetti dotati di particolari competenze che, “indossato il cappello dell’hacker”, operano per superare le misure di sicurezza e le difese messe in atto per proteggere i sistemi. Dato che di norma le attività di penetration test, per avere successo, sfruttano le vulnerabilità di strumenti, software, sistemi e loro configurazioni, tali attività vengono effettuate dopo aver eseguito il Vulnerability Assessment ed averne risolto le vulnerabilità emerse.

Per Security Assessment (o valutazione della sicurezza) intendiamo la somma di tutte le specifiche attività di valutazione della sicurezza; spesso dimentichiamo che la sicurezza di un sistema informativo è funzione anche della relativa sicurezza fisica degli ambiti nel quale esso si trova.

Il Regolamento Europeo ha aumentato esponenzialmente il livello di sicurezza necessario per tutte le tipologie di trattamenti, mettendo in capo al titolare del trattamento la definizione delle misure necessarie da adottare e l’obbligo di testarle, verificarle e valutarne regolarmente l’efficacia (art. 32 comma d GDPR).

Regolarmente, non una tantum, perchè un sistema sicuro oggi potrebbe non esserlo in futuro.