Data Centers PA, da 11.000 a 7

Il team per la trasformazione digitale propone di consolidare in 7 datacenters strategicamente dislocati nel territorio nazionale tutti gli 11.000 “datacenters” attualmente frammentati presso tutte le circa 22.000 P.A. italiane.

Ottima proposta, che probabilmente qualsiasi esperto di IT avrebbe saputo dare (gratis) al Governo.

Il problema rimane di ordine attuativo; dapprima non tutti i servizi possono essere “delocalizzati”, per vari motivi, e penso, per esempio, alla disponibilità di banda presso i tantissimi Comuni remoti italiani.

Inoltre occorrerà convincere gli 11.000 responsabili IT degli 11.000 datacenters attuali.

La proposta riguarda – per adesso – solamente la co-location delle macchine fisiche; in pratica si tratta di trasferire il server dallo scantinato della P.A. nel datacenter più vicino previsto.

Proporrei di andare oltre, e di razionalizzare non solo la co-location ma anche i relativi servizi; i 5.497 Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti debbono avere 5.497 web servers oppure ne possono bastare un centinaio?

E questo famoso riuso del software per le PA, lo attuiamo in concreto?

redditodicittadinanza.gov.it ed i font (di Google)

Mi immetto nella polemica nata dalla analisi di Matteo Flora del sito www.redditodicittadinanza.gov.it per “gettare ulteriore benzina sul fuoco”.

Semplificando, Matteo dice che adottando, per la pagina web del sito in oggetto, un font di Google, si consegnano ad esso “i dati di navigazione degli utenti sul sito”.

Premessa per i non tecnici: cosa sono questi fonts di Google? Si tratta di una collezione di font (la rappresentazione dei caratteri sullo schermo) che Google rende disponibili “gratuitamente” a tutti coloro che li vogliono adottare per migliorare l’aspetto del proprio sito.
Moltissimi Framework e C.M.S. li hanno adottati di default (anche WordPress), con il risultato che molti siti li stanno usando. Questo comporta che, quando un utente si collega ad uno di questi siti, il suo browser procede a scaricare il font necessario dai server dedicati di Google (salvo che il font sia già presente nella cache del browser ed altro, ma non vorrei scendere troppo nei dettagli tecnici).
Come sappiamo, ogni qualvolta si realizza una connessione tcp-ip tra un browser ed un server, nel server si raccolgono vari dati tecnici, tra i quali l’indirizzo IP del client, che come ci dicono i vari Garanti, Corte di Giustizia UE, ecc. costituisce un dato personale; Google, per tali dati, si definisce data controller (impostazione che non condivido, ma qui si aprirebbe un lungo e complesso discorso).
L’adozione dei fonts Google su molteplici siti web determina una specie di “rete di sensori globale” dalla quale Google potrebbe acquisire informazioni; non che ne abbia particolarmente bisogno, dato che quasi tutti utilizzano il servizio “gratuito” Google Analytics, per non parlare di Ads, AdSense & C.

L’informativa privacy del sito redditodicittadinanza.gov.it riporta ad una pagina sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; non ha le caratteristiche richieste dal GDPR e non si riesce neanche a capire chi sia il DPO.

Aggiungo un elemento, a mio avviso trascurato ma determinante: perchè un sito del Governo Italiano deve stare in un server di una azienda americana, presso un datacenter americano, al di fuori dello spazio UE e delle tutele del GDPR?

P.S. io dico il font e non la font; il perchè lo trovate anche qui.

P.S.2 il codice WordPress di questo sito è stato da me modificato, da tempo, per caricare i webfont dal server locale (e non dai server di Google); questo rende il rendering delle pagine leggermente più lento, ma – per me – assolutamente necessario.

Aggiornamento: il Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, in una memoria pubblicata nel pomeriggio, interviene con alcune osservazioni sul ddl di conversione in legge del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 (reddito di cittadinanza).
Al punto 5:
Un’ultima osservazione va riferita  all’architettura del sito web del Governo, dedicato al reddito di cittadinanza. 
Si segnala, al riguardo, che il sito rivela, già nel suo attuale stato di sviluppo, alcune carenze, in particolare, nell’informativa sul trattamento dei dati e nelle modalità tecniche della sua implementazione (che, ad oggi, comportano un’indebita e non trasparente trasmissione a terzi dei dati di navigazione, quali indirizzi IP e orario di connessione, da parte dei visitatori del medesimo sito).