Indirizzo IP dato personale?

Purtroppo ancora mi trovo in tavoli tecnici dove “esperti” affermano che l’indirizzo IP non è un dato personale.

Pregasi studiare prima di sparare sciocchezze, per esempio leggendo il Regolamento GDPR:

art. 4.1 «dato personale»: qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile («interessato»); si considera identificabile la persona fisica che può essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare riferimento a un identificativo come il nome, un numero di identificazione, dati relativi all'ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica,
culturale o sociale;
Considerando 30: Le persone fisiche possono essere associate a identificativi online prodotti dai dispositivi, dalle applicazioni, dagli strumenti e dai protocolli utilizzati, quali gli indirizzi IP, marcatori temporanei (cookies) o identificativi di altro tipo, quali i tag di identificazione a radiofrequenza. Tali identificativi possono lasciare tracce che, in particolare se combinate con identificativi univoci e altre informazioni ricevute dai server, possono essere utilizzate per creare profili delle persone fisiche e identificarle.

Inoltre ci sarebbe la sentenza della seconda Sezione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea datata 19 ottobre 2016.

Percezione della sicurezza informatica

Non esiste nulla di peggio che la devastante percezione della sicurezza, specialmente quando l’azienda è lontanissima da un livello accettabile (la sicurezza informatica assoluta non esiste, specialmente in questo periodo nel quale sono vulnerabili anche i processori).

La scorsa settimana ho udito con le mie orecchie un consulente affermare: “qualora si  installi un FireWall a protezione della LAN, non occorre aggiornare il software di sistema ne installare alcun antivirus sugli elaboratori”.

Si iniziano anche a vedere valutazioni di Risk Assessments, GAP analysis e D.P.I.A. (alcune prodotte ove non serviva) dalle quali si evince che chi le ha predisposte non ha le idee ben chiare su quali siano i rischi che incombono sui trattementi di dati personali (specialmente per gli assets digitali), ne ovviamente le adeguate contromisure da adottare.