Perché è necessario il GDPR in Europa

Lo scandalo colossale relativo alla raccolta illegale di dati personali ad opera di  Cambridge Analytica è emblematico di come sia necessaria una regolamentazione globale per proteggere i dati personali da violazioni ed abusi, specialmente ad opera dei BIG-DATA; il GDPR è un primo passo.

Le persone forniscono ai social informazioni personali, gusti, preferenze, frequentazioni, amicizie, orientamenti sessuali, politici, stati di salute … in pratica la loro intera esistenza, a titolo gratuito. Accettano tutti i disclaimer senza leggere. Vengono profilati con algoritmi da “Grande Fratello” al limite della legalità, anche quando sono collegati con account diversi. 270mila americani hanno scaricato una app (thisisyourdigitallife) e per 1 misero dollaro hanno esposto tutto l’albero dei loro contatti alla acquisizione illegale.

Oggi i social network assomigliano ad un immenso campo di battaglia, dove le persone sono i bersagli e talvolta anche i soldati, forzati tramite campagne pubblicitarie personalizzate verso lo schieramento giusto.

Oggi i vari Governi Nazionali ed i relativi Garanti Privacy si stracciano le vesti; vediamo se tra qualche mese lo scandalo sara finito in una bolla di sapone; qualcuno dice che dopo il 25 maggio cambierà qualcosa; dovremmo sperarlo, per tutti noi ma sopratutto per i nostri figli. Nel frattempo, #deletefacebook.

P.S. ritengo che quanto emerso sino ad oggi, relativo al datagate Cambridge Analytica, sia solo la parte visibile dell’iceberg.

FaceBook e la privacy dei cittadini europei

Non è decisamente un buon momento per FaceBook, specialmente in Europa; gia in passato la società di Menlo Park ha avuto contenziosi con alcuni Stati (es. Francia), oltre a multe comminate dalla commissione antitrust europea

Il periodo di transizione al GDPR è iniziato nel peggiore dei modi; in Belgio una sentenza del tribunale ha intimato a FaceBook di cessare la raccolta dei dati eseguita senza aver correttamente informato gli utenti; l’accusa sostiene che Facebook è in grado di raccogliere i dati di navigazione anche quando un utente visita un altro sito, a patto che sia comunque loggato sul social; ciò consentirebbe a Facebook di ottenere una profilazione dell’individuo molto dettagliata e interessantissima per gli inserzionisti pubblicitari.

In Germania un tribunale di Berlino ha intimato a Facebook di accettare iscrizioni di utenti che vorranno usare uno pseudonimo.

Adesso uno studio della università spagnola Carlos III di Madrid ha evidenziato come FaceBook abbia raccolto e detenga informazioni sensibili sui propri utenti.

Chiunque ha intenzione di registrarsi in un social network deve essere consapevole che i suoi dati personali costituiscono il valore sul quale il social network si basa; inoltre la recente frontiera della profilazione utente costituisce il nuovo eldorado di internet e nessuno potrà mai bloccarlo.

FaceBook da un lato informa che si adeguerà al nuovo GDPR mentre dall’altro ricorre con i suoi avvocati contro la sentenza tedesca. Staremo a vedere cosa accadrà dopo il 25 maggio.