Attività ispettiva Garante gen-giu 2019

L’Autorità di Controllo italiana – Garante Privacy informa, tramite una apposita deliberazione, delle programmate attività ispettive per il periodo in corso (gennaio-giugno 2019).

In riferimento a profili di interesse generale per categorie di interessati, sono stati previsti alcuni accertamenti in ambiti particolari:

  • trattamenti effettuati dall’ISTAT, per una verifica preliminare sul SIM (Sistema Integrato di Microdati) e altri sistemi informativi statistici;
  • trattamenti di dati personali effettuati per il rilascio dell’identità federata (SPID);
  • trattamenti di dati personali effettuati da Istituti Bancari, con particolare riferimento ai flussi di cui all’anagrafe dei conti;
  • trattamenti di dati personali effettuati da società per attività di marketing;
  • trattamenti di dati personali effettuati da Enti Pubblici, con riferimento a banche dati di notevoli dimensioni;
  • trattamenti di dati personali effettuati da società con particolare riferimento all’attività di profilazione degli interessati che aderiscono a carte di fidelizzazione.

Sono inoltre previsti controlli nei confronti di soggetti – pubblici e privati – appartenenti a categorie omogenee, relativamente a:

  • presupposti di liceità del trattamento;
  • condizioni per il consenso, qualora il trattamento sia basato su tale presupposto;
  • rispetto dell’obbligo dell’informativa;
  • durata della conservazione dei dati.

GDPR e sanità, le regole del Garante per studi medici, farmacie ed aziende sanitarie

L’Autorità di Controllo italiana (Garante Privacy), in apposito provvedimento, ha specificato le regole da adottare da parte di medici, farmacie ed ASL.

Come sapevamo, il medico non deve più chiedere il consenso per tutti i trattamenti che riguardano finalità di cura.

Si presti però estrema attenzione al fatto che trattamenti diversi da questa specifica finalità necessitano di altra base giuridica (o del relativo consenso).

Da evidenziare la precisazione della Autority che in ambito sanitario è sussistente, in linea generale, l’obbligo di tenuta del registro dei trattamenti; pertanto sia singoli professionisti, pediatri, studi medici associati, ospedali privati, case di cura, RSA, aziende sanitarie, farmacie debbono avere il registro dei trattamenti.

Per quanto riguarda il DPO, il singolo medico, le farmacie, parafarmacie ed ortopediche non sono tenute alla nomina; essa è invece richiesta a studi medici associati, case di cura, ospedali privati, centri diagnostici, RSA, centri chirurgici e tutti coloro che effettuano trattamenti sanitari in larga scala.

Per approfondimenti segnalo i miei post precedenti: studi medici e DPOsoggetti privati obbligati alla nomina del DPO.

Contattateci per avere supporto alla compilazione del registro dei trattamenti o per il approfondimenti in merito al ruolo di DPO in ambiti sanitari

Tipologie di trattamenti soggetti a DPIA

L’Autorità di Controllo italiana (Garante per la Protezione dei Dati Personali) ha predisposto un elenco (ovviamente non esaustivo) delle tipologie di trattamenti soggetti al requisito di una valutazione d’impatto sulla protezione dei dati ai sensi dell’art. 35, comma 4, del Regolamento.

  1. Trattamenti valutativi o di scoring su larga scala, nonché trattamenti che comportano la profilazione degli interessati nonché lo svolgimento di attività predittive effettuate anche on-line o attraverso app, relativi ad “aspetti riguardanti il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze o gli interessi personali, l’affidabilità o il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti dell’interessato”
  2. Trattamenti automatizzati finalizzati ad assumere decisioni che producono “effetti giuridici” oppure che incidono “in modo analogo significativamente” sull’interessato, comprese le decisioni che impediscono di esercitare un diritto o di avvalersi di un bene o di un servizio o di continuare ad esser parte di un contratto in essere (ad es. screening dei clienti di una banca attraverso l’utilizzo di dati registrati in una centrale rischi).
  3. Trattamenti che prevedono un utilizzo sistematico di dati per l’osservazione, il monitoraggio o il controllo degli interessati, compresa la raccolta di dati attraverso reti, effettuati anche on-line o attraverso app, nonché il trattamento di identificativi univoci in grado di identificare gli utenti di servizi della società dell’informazione inclusi servizi web, tv interattiva, ecc. rispetto alle abitudini d’uso e ai dati di visione per periodi prolungati. Rientrano in tale previsione anche i trattamenti di metadati ad es. in ambito telecomunicazioni, banche, ecc. effettuati non soltanto per profilazione, ma più in generale per ragioni organizzative, di previsioni di budget, di upgrade tecnologico, miglioramento reti, offerta di servizi antifrode, antispam, sicurezza etc.
  4. Trattamenti su larga scala di dati aventi carattere estremamente personale (v. WP 248, rev. 01): si fa riferimento, fra gli altri, ai dati connessi alla vita familiare o privata (quali i dati relativi alle comunicazioni elettroniche dei quali occorre tutelare la riservatezza), o che incidono sull’esercizio di un diritto fondamentale (quali i dati sull’ubicazione, la cui raccolta mette in gioco la libertà di circolazione) oppure la cui violazione comporta un grave impatto sulla vita quotidiana dell’interessato (quali i dati finanziari che potrebbero essere utilizzati per commettere frodi in materia di pagamenti).
  5. Trattamenti effettuati nell’ambito del rapporto di lavoro mediante sistemi tecnologici (anche con riguardo ai sistemi di videosorveglianza e di geolocalizzazione) dai quali derivi la possibilità di effettuare un controllo a distanza dell’attività dei dipendenti (si veda quanto stabilito dal WP 248, rev. 01, in relazione ai criteri nn. 3, 7 e 8).
  6. Trattamenti non occasionali di dati relativi a soggetti vulnerabili (minori, disabili, anziani, infermi di mente, pazienti, richiedenti asilo).
  7. Trattamenti effettuati attraverso l’uso di tecnologie innovative, anche con particolari misure di carattere organizzativo (es. IoT; sistemi di intelligenza artificiale; utilizzo di assistenti vocali on-line attraverso lo scanning vocale e testuale; monitoraggi effettuati da dispositivi wearable; tracciamenti di prossimità come ad es. il wi-fi tracking) ogniqualvolta ricorra anche almeno un altro dei criteri individuati nel WP 248, rev. 01.
  8. Trattamenti che comportano lo scambio tra diversi titolari di dati su larga scala con modalità telematiche.
  9. Trattamenti di dati personali effettuati mediante interconnessione, combinazione o raffronto di informazioni, compresi i trattamenti che prevedono l’incrocio dei dati di consumo di beni digitali con dati di pagamento (es. mobile payment).
  10. Trattamenti di categorie particolari di dati ai sensi dell’art. 9 oppure di dati relativi a condanne penali e a reati di cui all’art. 10 interconnessi con altri dati personali raccolti per finalità diverse.
  11. Trattamenti sistematici di dati biometrici, tenendo conto, in particolare, del volume dei dati, della durata, ovvero della persistenza, dell’attività di trattamento
  12. Trattamenti sistematici di dati genetici, tenendo conto, in particolare, del volume dei dati, della durata, ovvero della persistenza, dell’attività di trattamento.

Sono ovviamente sempre valide le precedenti indicazioni fornite dalla Autority su quando occorra effettuare una DPIA.

F.A.Q. Registro dei Trattamenti

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha pubblicato, in una apposita pagina, le faq sul Registro dei Trattamenti; ne avevo parlato pochi giorni orsono.

Relativamente alle aziende private, i soggetti obbligati ad averlo ed aggiornarlo sono così individuabili:

  • imprese o organizzazioni con almeno 250 dipendenti;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti che possano presentare un rischio – anche non elevato – per i diritti e le libertà dell’interessato;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse  imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti non occasionali;
  • qualunque titolare o responsabile (incluse  imprese o organizzazioni con meno di 250 dipendenti) che effettui trattamenti delle categorie particolari di dati di cui all’articolo 9, paragrafo 1 RGPD, o di dati personali relativi a condanne penali e a reati di cui all’articolo 10 RGPD.

Sono quindi individuati alcune tipologie di titolari del trattamento che debbono provvedere alla tenuta del Registro dei Trattamenti:

  • esercizi commerciali, esercizi pubblici o artigiani con almeno un dipendente (bar, ristoranti, officine, negozi, piccola distribuzione, ecc.) e/o  che  trattino dati sanitari dei clienti (es. parrucchieri, estetisti, ottici, odontotecnici, tatuatori ecc.);
  • liberi professionisti con almeno un dipendente e/o che trattino dati sanitari e/o dati relativi a condanne penali o reati (es. commercialisti, notai, avvocati, osteopati, fisioterapisti, farmacisti, medici in generale);
  • associazioni, fondazioni e comitati ove trattino “categorie particolari di dati” e/o dati relativi a condanne penali o reati (i.e. organizzazioni di tendenza; associazioni a tutela di soggetti c.d. “vulnerabili” quali ad esempio malati, persone con disabilità, ex detenuti ecc.; associazioni che perseguono finalità di prevenzione e contrasto delle discriminazioni di genere, razziali, basate sull’orientamento sessuale, politico o religioso ecc.; associazioni sportive con riferimento ai dati sanitari trattati; partiti e movimenti politici; sindacati; associazioni e movimenti a carattere religioso);
  • il condominio ove tratti “categorie particolari di dati” (es. delibere per interventi volti al superamento e all’abbattimento delle barriere architettoniche ai sensi della L. n. 13/1989; richieste di risarcimento danni comprensive di spese mediche relativi a sinistri avvenuti all’interno dei locali condominiali).

Windows 10 PRIVACY

A tutti coloro che non amano essere profilati dal proprio PC, segnalo uno dei migliori programmi per disabilitare le “funzioni di telemetria” di Windows 10.

Si tratta di WPD, Windows Privacy Dashboard; l’interfaccia è -purtroppo – solo in inglese ma le funzioni sono autoesplicative.

Segnalo che il programma permette di scegliere quali funzioni disabilitare e che tale operazioni potrebbero compromettere alcune funzionalità del sistema operativo (sino al completo malfunzionamento di tutto il sistema); pertanto applicate le modifiche, a vostro rischio e pericolo, solo dopo aver effettuato (ed aver verificato) un backup completo del sistema.

In ogni caso, la soluzione definitiva al problema è passare ad altro sistema operativo, certamente Linux based.

RIP Windows XP

Oggi termina il supporto di Microsoft a Windows Embedded POSReady 2009, chiamato anche Windows XP Bancomat.

Quindi è defunta anche la speciale versione di Windows XP dedicata agli ATM e Bancomat, dopo il pregresso termine del supporto dell’OS XP base, avvenuto il giorno 8 aprile 2014.

Chissà se gli istituti bancari sostituiranno le migliaia di macchine Bancomat, o se continueranno imperterriti a far utilizzare quelle esistenti.

Segnalo inoltre che il prossimo 14 gennaio 2020 terminerà anche il supporto a Windows 7 e che un sistema operativo non aggiornato non deve essere utilizzato per trattare dati personali.

Svizzera sospende il voto elettronico

La Posta Svizzera, realizzatore del sistema di e-voting adottato da alcuni cantoni della Confederazione Elvetica, lo ha sospeso con effetto immediato.

Ciò si è reso necessario a seguito di un recente contest di sicurezza pubblico, a seguito del quale sono emerse problematiche nel codice sorgente e nei processi di certificazione e convalida.

Tra l’altro, erano già sorte polemiche su falle trovate nel codice, segnalate e (probabilmente) non rimosse.

Direi che la decisione presa da Posta Svizzera è doverosa e responsabile; ritengo che potranno avere benefici dai risultati delle analisi, svolte da moltissimi hacker, ricercatori ed esperti internazionali.

Questo dimostra ancora una volta che è difficilissimo, se non impossibile, scrivere software sicuro al 100%; in ambiti estremamente rilevanti, come un sistema di e-voting, meglio non rischiare e continuare ad usare carta e lapis.

Exodus – spyware all’italiana

Gli “addetti ai lavori”, da ieri, non parlano d’altro; un software creato per intercettazioni di stato, il cosidetto captatore informatico (sic!) è uscito dal vaso di Pandora.

Per ulteriori informazioni tecniche potete visitare la pagina di analisi predisposta dalla crew Security Without Borders, mentre per i vari commenti degli esperti basta cercare sui motori di ricerca (consiglio QWANT).

Permettetemi alcune considerazioni che non sono state troppo evidenziate:

  • in Italia, chi controlla i controllori (traduzione – la sicurezza e le caratteristiche del software e della infrastruttura di sostegno del famoso captatore informatico, per il quale sono state spese delle belle sommette dei contribuenti)?
  • che figura ci fa Google, con le circa venticinque copie di software dotato di “malware approssimativo“, presenti nel suo store?
  • e quale proposito avranno avuto coloro che hanno installato una delle “APP mascherate”, dalle funzionalità assolutamente inutili?

Segnalo, a chi di dovere, che un cellulare aziendale colpito da Exodus è un limpido caso di Data-Breach (aziendale).

Da tempo consiglio alle aziende di evitare l’ambiente Android quando la sicurezza della propria organizzazione ha fondamentale importanza.

Mi auguro che la Magistratura di Napoli ed il Garante Privacy facciano chiarezza e chiedano regole stringenti (al Governo) per evitare ulteriori casi paradossali.

Aggiornamento: il presidente della Autorità di Controllo italiana ha rilasciato una intervista nella quale qualifica come “gravissimo l’accaduto“, manifesta la propria preoccupazione sulla mancanza di “garanzie elevate per tutelare la libertà dei cittadini” incolpevoli. Comunque, non sono così certo che si sia trattato di un “mero errore nel funzionamento di un captatore informatico” (tradotto=trojan di Stato).

ASUS LiveUpdate compromesso

Kaspersky ha scoperto uno dei maggiori incidenti di sicurezza occorsi ad un fornitore di software, persino superiore a quello capitato a CCleaner.

Il servizio LiveUpdate di ASUS, che consente ai loro acquirenti di aggiornare il software dei propri devices, è stato compromesso da sconosciuti – dalle notevolissime risorse e capacità tecniche – sfruttandolo per installare un trojan malevolo – chiamato shadow hammer – targetizzato per attivarsi su specifici devices ASUS.

Il fatto, di per se clamoroso, è ulteriormente aggravato dal fatto che la compromissione è stata scoperta, dopo vari mesi, da Kasperky invece che dalla stessa ASUS.

Consiglio a tutte le organizzazioni che posseggono dispositivi ASUS di farne controllare la sicurezza, in quanto si potrebbe configurare un classico data breach.

Mai come in questo caso si evincono due aspetti rilevanti:

  • sui devices “in produzione” o interessati al trattamento dei dati personali, utilizzare solo il software minimo necessario (e LiveUpdate, come molte altre utility, non lo è);
  • gli antivirus sono sempre meno efficaci a rispondere alle nuove tipologie di minacce cyber; occorre sviluppare nuovi software con A.I. che riescano ad intercettare comportamenti “ambigui” del software, anche se firmato con certificati autentici (come in questo caso).

Ritengo che ci saranno degli sviluppi clamorosi alla vicenda.